Cerca nel blog

domenica 24 settembre 2017

Novae Militiae - Gash’khalah

#PER CHI AMA: Black, Arkhon Infaustus, primi Aborym
È un black insano quello proposto dai Novae Militiae; provate ora ad immaginare la provenienza della band: Norvegia? Acqua. Belgio? Fuochino. Francia? Ovviamente si. Non c'è ormai nessun altro paese al mondo in grado di contrastare il dominio transalpino nella musica estrema. Arriva poi dalla capitale francese questo misterioso act, sospinto da pulsioni di odio e malvagità che sono state convogliate all'interno di questo loro secondo capitolo infernale, intitolato 'Gash’khalah'. Il ritualistico inizio di "The Chasm of the Cross" non lascia presagire nulla di buono. La tensione è già altissima sin dalle prime note, affidata alle sataniche vocals del frontman e alle atmosfere lugubri e spaventose in cui si muovono i nostri. Anfratti paurosi, con una luce fioca dove solo le agghiaccianti screaming vocals si odono in combinazione con un riffing degenerato che ci conduce a "Daemon Est Deus Inversus", song di una violenza folgorante, complice una ritmica corposa peraltro esaltata da una produzione piena e convincente che non trova un attimo di respiro se non nei pochi secondi che ci introducono alla debordante "Orders of the Most-High". Anche qui il canovaccio non cambia: l'assalto dirompente dell'act francese annichilisce non poco l'ascoltatore con colate laviche affidate al rutilante incedere di chitarre/basso e batteria e le demoniache vocals del vocalist a sovrastare la bestialità musicale generata. Terrificanti, non riesco a trovare altre parole per descrivere la pericolosità di tale ensemble. "Koakh Harsani" irrompe con linee sghembe di chitarra, le urla disumane, comparabili a quelle di un uomo le cui carni vengono divorate lentamente da un orso, mentre in background lavorano tenui linee di tastiera a creare un alone di mistero e sacralità. La riluttante e diabolica perversione dei Novae Militiae sa manifestarsi anche sotto altre forme, cosi come nella strisciante "Annunciation", la song meno ferale del lotto ma sicuramente la più carica di angoscia nel suo lento avanzare che sul finire del brano saprà comunque incendiare l'aria con un'altra tempesta infuocata. Un attacco black thrash divampa in "Black Temple Consecration", con le vocals che in un qualche modo ricordano quelle di Attila Csihar ai tempi di 'De Mysteriis dom Sathanas' ed un sound che nel suo evolversi, mantiene intatto quel suo alone straordinariamente e dannatamente malefico. Sono ancora sensazioni affidate al terrore quelle che si respirano nell'ammorbante "Fall of the Idols", song che arriva quasi ai limiti del funeral doom, in un black mid-tempo sinistro e maledetto. Siamo cosi arrivati all'epico finale di "Seven Cups of Divine Outrage", una song (la mia preferita peraltro) che somma tutte le influenze dei nostri che annoverano sicuramente i primi Aborym, i Mayhem, i Deathspell Omega, gli Arkhon Infaustus e tutto quello stuolo di band che fanno della malvagità, del satanismo e dell'odio, la propria missione. Bestiali. (Francesco Scarci)

(Goathorned Productions - 2017)
Voto: 80

giovedì 21 settembre 2017

Deliverance - Chrst

#PER CHI AMA: Black/Sludge
Gira e rigira il mondo, ma sempre in Francia dobbiamo ritornare, nemmeno fosse il polo magnetico del metallo estremo. Ecco quindi i Deliverance e il loro 'Chrst', un concentrato maligno di black metal e le atmosfere melmose tipiche dello sludge. La opener "Hung Be the Heavens With Black" conferma immediatamente quanto stia qui dicendo e la pasta indigesta di cui è fatto questo quartetto parigino: i vocalizzi arcigni del frontman si stagliano su ritmiche rallentate di scuola Neurosis, in un lento incedere che trova il suo sfogo rabbioso nella seconda metà del brano che sul finire tira però il freno, rallentando paurosamente la sua fuga. "Out of the Saddening Blank" è un pezzo di oltre 10 minuti che si perde in chiacchiere nei primi due minuti tra riffoni in salsa dronica e qualche rumorino di fondo. Poi quando finalmente i nostri innescano la marcia, la macchina feroce dei Deliverance sembra quasi ingolfata, mantenendo un sound assolutamente controllato che sembra tuttavia tramare nell'ombra una pericolosa accelerazione che tarda però ad arrivare, anzi ad un certo punto il suono si fa decisamente più fioco e tenebroso, con reminiscenze che ci portano anche ai Cult of Luna (non a caso dietro la consolle si siede Magnus Lindberg, ascia proprio dei gods svedesi). La proposta dei Deliverance però suona po' troppo statica per i miei gusti, sembra non voler osare nemmeno nella terza "The Discrucified", altro mid-tempo che si lancia in un attacco ferale solo per una manciata di secondi. La furia black esplode finalmente in "A Bone Shall Not Be Broken", scrollandosi di dosso tutta quella patina controllata post sludge della prima parte del disco. Dopo un paio di minuti, i nostri sfoggiano un rifferama che poteva tranquillamente stare su 'South of Heaven' degli Slayer, arricchito da uno secondo strato di chitarre che enfatizzano la carica atmosferica della song, che va incupendo e rallentando il proprio sound. E a proposito di atmosfere oscure, ecco arrivare "I Say: Chrst!", traccia nera come la pece, lenta e malata che mette in mostra la bravura dei nostri nel saper combinare con una certa facilità, due generi come il black e lo sludge, senza risultare mai scontata. 'Chrst' non è comunque un album cosi immediato o facile da ascoltare anche se l'ultima "Across Gehenna" è forse la song più lineare del lotto sebbene s'increspi ancora una volta nel finale. Insomma, un album quasi incompiuto che mostra luci e ombre di una band ancora in rodaggio. (Francesco Scarci)

Voto: 65
(Deadlight Entertainment - 2017)

https://deadlight.bandcamp.com/album/chrst

Kora Winter - Welk

#PER CHI AMA: Math/Post Hardcore, The Dillinger Escape Plan
L'EP 'Welk' rappresenta il secondo lavoro dei Kora Winter, quintetto berlinese dedito ad un post hardcore. Il disco si apre con "Bluten" che, con un delicato e un po' banale arpeggio dà il via alle danze del dischetto. L'atmosfera è tirata, comunque piacevole ed è costruita da chitarre isteriche dal piglio math quasi ad emulare i The Dillinger Escape Plan. L'introduzione poi del sax di Paul Griesbach abbassa i toni e incupisce l'atmosfera; pur senza creare alcun sconvolgimento progressivo, l'utilizzo del sax apre una parentesi nettamente diversa dal contesto sonoro iniziale. La successiva "Stiche" torna sulle orme della prima a livello ritmico, tanto che si potrebbe confondere come la continuazione della precedente. La seconda metà della release si apre con "∞", un canto interpretato da Lisa Toh, rifacimento di "Es War Einmal Ein Fischer" dell'artista lituana Lorez Alexandra, scomparsa nel 2001, una sorta di canto di una sirena che per alcune cose mi ha ricordato il folk di Kari Rueslåtten, prima cantante dei The Third and the Mortal, suggestiva, ma forse un po' fuori contesto. Questo breve EP si chiude con "Narben", traccia in cui si evidenzia particolarmente la disinvoltura chitarristica dei nostri in pattern ritmici propri del post black. La produzione infine è tipica del genere: patinata e brillante, con forti compressioni. Le composizioni giocano con breakdown e improvvise accelerazioni per dare l'impressione di movimento anche se l'effetto finale non è sempre azzeccatissimo. In conclusione, i 20 minuti di musica inclusi nel cd, mostrano una certa omogeneità di fondo dal punto di vista strutturale e melodico, eccezion fatta per la terza ovviamente. La tecnica c'è, il cantato in tedesco è particolarmente emozionale e si presta al genere, riguardo il resto c'è ancora da lavorarci duramente sopra. (Francesco Scarci)

(Self - 2017)
Voto: 70

https://korawinter.bandcamp.com/

domenica 17 settembre 2017

Mesmur - S

#PER CHI AMA: Funeral Doom, Evoken, EA, Esoteric
Torna la Solitude Productions, ritornano i Mesmur con il secondo capitolo della loro discografia, e il neo-sodalizio tra questi due nomi non può che essere un sound devoto al funeral doom. Il quartetto, capitanato dal frontman dei Dalla Nebbia, Jeremy L, coadiuvato da tre fidi scudieri, tra cui anche il bassista italiano Michele Mura, torna a proporre la propria visione apocalittica del doom, attraverso quattro lunghe tracce che, partendo da "Singularity" arrivano a "S = k ln Ω", attraversando l'angosciante oscurità di "Exile" e "Distension". Il suono come avete ampiamente intuito è un concentrato di soffocanti suoni funerei che, come già accaduto nel debutto omonimo, ha però modo di spezzare l'integrità di un muro sonoro spesso e soffocante, con degli intermezzi ambient assai melodici in grado di dare giovamento ad una proposta che rischierebbe invece di peccare di eccessiva monoliticità, come talvolta accade a questo genere. E invece, accanto al lento e logorante incedere ritmico, accompagnato dalle grugnolesche vocals di Chris (che abbiamo già avuto modo di apprezzare negli Orphans of Dusk), ecco apparire di tanto in tanto, giochi di luce, affidati ai synth di Jeremy che si diletta nell'evocare i fantasmi di My Dying Bride ed Esoteric, alleggerendo cosi di parecchio la loro visione fin troppo pessimistica del mondo. Chiaroscuri di matrice sludge, completano una traccia complessa che ha addirittura modo di richiamare i Neurosis. Dopo il finale al limite del noise di "Singularity", ecco le note malinconiche e dilatate di "Exile" che si muovono lentamente attraverso suoni di una drammaticità coinvolgente, merito ancora una volta del magistrale lavoro atmosferico eseguito dai synth del frontman americano. La proposta è cupa e tortuosa, non mancano i rimandi agli Evoken, agli EA, agli immancabili Shade of Despair; splendido l'interludio esattamente a metà brano, in grado di minare la lucidità della mia mente ma anche di alzare l'asticella di un lavoro che sembra aver imboccato una propria strada, sebbene quelli esplorati rimangano i meandri di un genere musicale che ha il merito da sempre di continuare a rinnovarsi con band assai intelligenti ed originali. E i Mesmur sono una di queste, un ensemble maturo che ha imparato dai paradigmi di un genere in continua evoluzione ad ampliare la propria visione cosmica. E il quartetto conferma questo trend arricchendo la loro proposta di strappi black death (retaggio dell'altra band di Jeremy), come sul finire della seconda traccia. Con "Distension", l'atmosfera si fa più perversa, complici dissonanti e disturbanti suoni in grado di deviare la psiche in modo assai pericoloso. Si tratta di oltre cinque minuti di musica delirante quasi lisergica che sfocerà nell'abisso di un funeral doom distorto e contorto che, percorrendo i pericolanti sentieri di una traccia insana e claustrofobica, ci condurrà fino alla conclusiva, epico-dronica strumentale "S = k ln Ω", il cui titolo si rifà alla Costante di Boltzmann, necessaria per il calcolo dell'entropia nella termodinamica, quella grandezza intesa come misura del disordine dell'universo, generalmente rappresentata dalla lettera S, proprio come il titolo di quest'album. Che sia il caso di rivedere le leggi della fisica, che l'entropia dell'universo sia ancora in aumento? Se cercate delle risposte a queste domande, 'S' potrà fare al caso vostro. (Francesco Scarci)

(Solitude Productions - 2017)
Voto: 75

https://www.facebook.com/mesmurdoom

One Eyed Jack - What'm I Getting High

#PER CHI AMA: Post Grunge, Alice in Chains
Se vi state (carverianamente) domandando di cosa si stia sballando il buon vecchio Jack lo Sguercio quando suona questo 'What'm I Getting High', a mettere le cose in chiaro ci pensa la affilata linea di chitarra assolutamente "goodmotorfinger" nei primissimi secondi dell'introduttiva "Primetime". Nel prosieguo, l'album incede con granitica lentezza, aggirandosi rispettosamente tra i (numerosi) fantasmi di Seattle. Tanti momenti di scuola Staleyniana ("Washyall", "Dog Fight", quasi tutta "Shitting Blood"), compresa la melancolica ballata mad-stagionale "Soon Back Home", tanto distante dagli Alice in Chains quanto il Nostro dalla realtà, nella seconda strafattissima metà degli anni '90. Fungono da estemporaneo contrappeso il tiro (s)groove di "Sgrunt" e l'abbrivio inaspettatamente new-w. di "Drama Shit". Produzione devota ai riferimenti musicali e al loro tempo, ma a tratti eccessivamente affogata ("Little Junior Finally Grew a Beard", per esempio). One Eyed Jack, il fante di picche, è anche il titolo dell'unico film diretto da Marlon Brando e il nome del casinò-bordello dove fu verosimilmente adescata Laura Palmer la notte del suo assassinio ne 'I Segreti di Twin Peaks' (non serviva neanche stare a specificarvelo). Nel caso ve lo steste (carverianamente) domandando. (Alberto Calorosi)

Mekigah - Autexousious

#PER CHI AMA: Avantgarde/Drone/Black/Noise, Ulver
Mekigah atto quarto: tanti sono infatti gli album che il sottoscritto ha recensito per la band australiana qui nel Pozzo dei Dannati, band che seguo sin dal loro debutto del 2010, 'The Serpent's Kiss'. L'act di Melbourne, capitanato come sempre dal solo Vis Ortis, coadiuvato poi da tutta una serie di amici che da queste parti conosciamo bene (penso ad esempio a T.K. Bollinger) rilascia un nuovo lavoro, 'Autexousious', che prosegue nella sua evoluzione sonora verso lidi sconfinati. Li avevamo conosciuti come promotori di un sound dark gothic, li abbiamo apprezzati nella loro veste death doom, li abbiamo lasciati in territori drone con 'Litost' e da li ripartiamo per immergerci nelle nere tenebre di 'Autoexousious' e del suo suono apocalittico, putrescente e melmoso che per certi versi riprende proprio il penultimo album, affidandosi completamente a landscapes sonici disturbati, votati ad un dronico approccio angosciante, come quello che si respira ad esempio nella lunga ed inquietante title track, una marcia funebre aspra ed allucinata, contraddistinta dai vocalizzi insani del mastermind australiano. Si prosegue e si finisce catturati dai suoni deliranti di "Fooled Blood", non so se una vera song o piuttosto un interludio per la successiva "Zmatek". Una traccia sperimentale di scuola "ulveriana", complice una voce che evoca in un certo qual modo, quella di Garm, in un incedere epico e finalmente digeribile e coinvolgente (soprattutto a livello percussivo), in grado di rendere la proposta dei Mekigah un po' più abbordabile, almeno nella sua prima parte, prima che rigurgiti psicotici emergano dalla maledetta ed oscura musicalità di questo brano. Un altro intermezzo noise ed ecco "The Infinite Never", una non-canzone all'insegna di voci robotiche e dilatatissimi suoni ambient-ritual-cibernetici. Ci avete capito qualcosa? Io non molto, ma forse è il bello di questa band che ha ancora tempo di sparare le ultime cartucce con il trittico finale affidato alle litaniche e soffocanti melodie di "A Vast Abyss", un brano che incarna forse l'intera produzione dei Mekigah in un malinconico e caustico pezzo all'insegna di ambient black doom drone d'avanguardia. Con "Backpfeifengesicht" ci immergiamo in dieci minuti di minimalistici vaneggiamenti sonori che tra drone, black noise, oscuri anfratti ambient, avantgarde e musica elettronica, non fanno altro che proiettarci in uno spazio intergalattico assai distante. A chiudere il disco, il cui mastering è stato affidato a Greg Chandler degli Esoteric, ci pensa "Rejection Nostalgia", l'ultimo atto che mal cela la follia dilagante di Vis Ortis e dei suoi Mekigah. (Francesco Scarci)

(Aesthetic Death - 2017)
Voto: 75

https://mekigah.bandcamp.com/album/autexousious

venerdì 15 settembre 2017

Hypnotic Drive - Full Throttle

#PER CHI AMA: Heavy/Stoner, Black Sabbath, Alice in CHains
Ovunque, monolitiche architetture di conglomerazione lapalissianamente sabbatiana ("Voodoo Witch" vs. "Black Sabbath", la canzone; "Darkened White" vs. qualcosa a caso di 'Master of Reality', per esempio "Lord of this World"), sabbatianamente psych anche nel modo altrettanto sedimentario, tanto caro agli Alice in Chains, di rarefarsi improvvisamente e generare repentini stati di sospensione emotiva ("Barbwire"). I toni digressivamente vintage (alla Wolfmother, giusto per dirne una) di canzoni come "Heading South" lasciano dubbi sull'intenzionalità, forse in realtà semplicemente heavy-southern (perlomeno a giudicare dal titolo). Un approccio ortodosso ed eccessivamente devozionale nei confronti di quello che è universalmente noto come il sottogenere più monolitico della storia del rock (quindi occhio agli sbadigli), impreziosito però dalla introduttiva deflagrante "Five Regrets", una canzone che emana monossido di carbonio prima ancora di cliccare sullo Start, che al contrario è indebolito da un'incerta performance vocale sempre dubbiosa, al confine tra il rauco e il clean e a tratti disgraziatamente prossima a certi mugugni alla tardo-Glen-catetere-Danzig, specialmente quando lo skyline melodico si fa più accidentato (cfr. "Crossroads"). (Alberto Calorosi)

Mad Dogs - Ass Shakin' Dirty Rollers

#PER CHI AMA: Hard Rock
Dopo qualche tempo torniamo a parlare della GoDown Records, etichetta granitica nata quasi quindici anni fa e che ha sempre mantenuto un elevato livello nelle sue produzione stoner/garage/psychedelic rock. L'etichetta ci presenta oggi i Mad Dogs e il loro ultimo album ' Ass Shakin' Dirty Rollers' (il terzo) uscito quest'anno ad aprile. Il quartetto nasce a Macerata nel 2009 e dopo due lavori abbandonano la lingua italiana e si buttano a capofitto nel garage/blues rock con ancora parecchio da dire. Le tracce sono dodici, veloci ed intense come ci si aspetta dal genere, vedi "Make it Tonight" che strizza l'occhio ai vecchi Guns N' Roses grazie al ritornello facile e i gran riff e assoli di chitarra. Addentrandoci sempre più a fondo nel mondo di questi cani pazzi, si rimane sempre più colpiti dal groove dei brani, come in"It's not Over", un perfetto blues adrenalinico misto ad hard rock anni '70 che entra facilmente in circolo e convince senza tanti complimenti. Piacevoli, seppur semplici, gli interventi di tastiera/organo che completano il tutto, rendendo il sound rotondo e per certi versi raffinato. Il brano più scanzonato è sicuramente "Surf Ride", una ballata veloce e sentita più volte, ma che cattura sempre, soprattutto durante un live con un pubblico che ha voglia di divertirsi e non aspetta altro per potersi scatenare. Nel complesso la qualità audio dell'album è in linea con il genere, quindi niente di ricercato, tutto si basa sulla musica, quindi il resto è relativo. Ma dove c'è luce c'è anche oscurità, ed ecco quindi "Psychedelic Earthquake" che chiude questa release, una sorta di 'The Dark Side of the Moon' dove i fumi di oppio aleggiano pesanti intorno a noi. Nel frattempo la musica cresce a ritmo di un battito cardiaco ancestrale, tutto rotea sempre più veloce fino all'esplosione finale dove la sezione ritmica prende il sopravvento insieme all'hammond e all'immancabile assolo di chitarra. Un brano di per sè semplice, ma ben eseguito e con grande impatto emotivo. Che sia questo il sound giusto per la band maceratese? Forse si, ma lasciamo a loro decidere cosa fare da grandi. (Michele Montanari)

venerdì 8 settembre 2017

Blood Red Throne - Come Death

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Brutal Death, Cannibal Corpse
Aaarghhh! Abbiamo recensito gli ultimi due album dei mostruosi Blood Red Throne, andiamo allora a pescare un loro classico, 'Come Death' del 2007. La band, guidata dall’ex Emperor Tchort, si riaffaccia sulla scena a distanza di un paio d’anni dal fortunato 'Altered Genesis', con un lavoro compatto di una quarantina di minuti, che prosegue il discorso iniziato nel 2001 con 'Monument of Death'. La musica è come sempre un micidiale attacco frontale di puro death metal sulla scia dei migliori act americani (quelli della Florida per intenderci). La release dei nostri segna tra l’altro, l’ingresso in formazione di Anders Haave alla batteria e Vald alla voce, che mostrano decisamente di saperci fare. La musica? Beh, è il solito pesantissimo e intricato muro di riffs eretto dal duo formato da Tchort e Død, sorretto dalla violenza di Anders alle pelli (mostruoso nei campi di tempo e nei blast beat) e dalle gutturali vocals di Vald (che si lascia talvolta andare anche a uno screaming maligno, di stampo black). È un brutal death efferato che non lascia scampo: chitarre al fulmicotone (ascoltatevi “Taste of God”, “Guttural Screams” o la title track per farvi un’idea) crivellano di proiettili il nostro corpo, spaziando con il loro inquieto riffing in territori black o grind, talvolta rallentano nel tentativo di creare atmosfere angoscianti, quasi claustrofobiche, ma che fanno comunque pur sempre male. La quarta release della band scandinava è vincente, anche se non riesce a raggiungere i livelli dei precedenti lavori. Consigliato ai seguaci della band e agli amanti del brutal in genere, perché per chi non è abituato, qui si rischia veramente la pelle. (Francesco Scarci)

Anterior - This Age of Silence

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Heavy/Thrash/Metalcore
Dici Metal Blade, pensi ad una serie di lavori che oscillano tra il death metal melodico, il metalcore e il deathcore. Gli Anterior rientrano nella prima categoria, anche se sottilissima è la linea di demarcazione che li separa dal metalcore. 'This Age of Silence' ha rappresentato il debutto assoluto, per il combo gallese e direi che il risultato non è assolutamente malvagio. L’influenza primaria che si può ravvisare nelle linee di chitarra di questo disco, è il classico british heavy metal alla Iron Maiden, arricchito logicamente dalla rabbia e dalla melodia dello swedish death metal. Nove buoni pezzi per quasi tre quarti d’ora di musica, potranno certamente catturare la vostra attenzione: la band gioca nei propri brani a rincorrersi, grazie all’abile prova delle due asce, Leon Kemp e Luke Davies, che costruiscono ottimi riff thrash, alternati a frangenti progressive, sfuriate metalcore, passaggi acustici e soprattutto ottimi assoli, merce assai rara; ma anche la prova degli altri musicisti è davvero sopra le righe. Nove tracce dicevamo, che traggono la loro ispirazione dai grandi del passato, Iron Maiden ma anche dai Metallica, prendendo poi spunto (notevole talvolta) anche da Children of Bodom e Arch Enemy, in testa, con quel cantato in growl sempre a farla da padrone; la classe non manca, i mezzi per far bene neppure, ciò che latita è l’originalità, quel bagliore di personalità che potesse far decollare questi ragazzi verso il successo, che ahimè non è mai arrivato dato lo split del 2012 in seguito al secondo 'Echoes of the Fallen'. Disco carico di intensità ed energia che avrebbe meritato di più se solo si fosse mostrato più originale. (Francesco Scarci)

giovedì 7 settembre 2017

Amentia – Scourge

#PER CHI AMA: Techno Brutal Death, Necrophagist, Exhumed
A distanza di sei lunghi anni dal precedente ottimo 'Incurable Disease', la band di Minsk mostra una forma smagliante innalzando ulteriormente il tiro nei confronti della qualità della loro proposta. Dediti da sempre al verbo del technical/brutal death, in questo nuovo 'Scourge', i quattro musicisti giocano al meglio le loro carte calando sullo spartito tutta la loro esperienza di settore. I nostri si presentano questa volta con un prodotto altamente tecnico, violento, d'impatto e assai intenso da ascoltare a tutto volume, con variegati e stimolanti paesaggi sonori, taglienti e sinistri, comandati in maniera egregia, dalla voce gutturale dell'ottimo vocalist Zubov. L'act biellorusso si è poi fatto aiutare da una registrazione che permette tranquillamente di seguire ogni singolo strumento e che mette in evidenza le doti canore quanto le articolate peripezie artistiche del chitarrista Artyom che usa come mitragliatrici, chitarre ossessive e demoniache, uscite tra la follia dei Psyopus e il taglio macabro di Exhumed e Necrophagist, unite a venature di stampo death più classico. Perfetta la sezione ritmica con una batteria supersonica e un basso molto interessante, dal sapore decisamente sofisticato e dalla tecnica raffinata, cosa che offre decisamente parecchia verve all'insieme sonoro. Non sarà l'originalità con cui si distinguerà il combo bielorusso ma sicuramente gli Amentia verranno apprezzati per la bravura, la peculiarità e la personalità con cui costruiscono le loro composizioni, che sempre risultano vive e mutanti ad ogni ascolto. Ottima anche la produzione che opta per un sound reale e umano evitando quel suono finto e ipercompresso che a volte si tende ad utilizzare nel genere. La copertina è ben fatta e decisamente a tema, il disco mostra una durata giusta che si aggira intorno alla mezz'ora e con l'apertura affidata all'iniziale "Kill Me" e alla successiva "I Don't Believe" (brano peraltro stupendo con assolo spettacolare!) che insieme a "Sentence Executioner", rappresentano i tre brani simbolo di un album tutto da scoprire ascolto dopo ascolto, per una band che merita veramente tanta attenzione. In un mare di imitazioni e finti musicisti, gli Amentia risultano come un'isola felice. Entrate in sintonia con il significato del loro moniker e gustatevi la follia nascosta tra le note di questo ottimo 'Scourge'. L'ascolto è quanto meno dovuto! (Bob Stoner)

Fleurety - Inquietum

#PER CHI AMA: Black Sperimentale
Fleurety è un demone dell'oscurità, luogotenente di Belzebù, esperto di veleni ed erbe allucinatorie che appare nel Grande Grimorio scritto a quanto pare oltre 500 anni fa. Un nome, Fleurety, che a me rimane scolpito nella memoria per essere un gruppo autore di un album pazzesco di black psichedelico, che quasi gli valse l'appellativo di Pink Floyd del black metal. Sto parlando di 'Min Tid Skal Komme' che uscì nel 1995. Dopo quel disco nel 2000, un interessante album di musica d'avanguardia e poi un silenzio perdurato quasi dieci anni, a cui seguì una sfilza di EP, quasi a dirci che il duo norvegese è ancora vivo e vegeto. Ora tutti quei dischetti sono stati raccolti sotto lo stesso tetto, 'Inquietum' appunto, a prepararci ad una nuova uscita della band prevista per fine ottobre. Intanto proviamo ad analizzare questa compilation, confezionata egregiamente dalla Aesthetic Death, in un digipack giallo fosforescente. L'album si apre con "Descent Into Darkness", song che risale addirittura al primo demo della band, datato 1993 e qui rimasterizzata insieme alla strumentale "Choirs" e ad "Absence", originariamente incluse in 'Ingentes Atque Decorii Vexilliferi Apokalypsis'. La prima traccia si manifesta come una forma assai primitiva di quel 'Min Tid Skal Komme' di cui scrivevo poc'anzi, ossia un black metal psicotico e disturbato che offre chitarre ronzanti, annichilenti vocals malate e derive droniche che saranno più palesi nella breve "Choirs", fino a giungere all'infernale "Absence", in un black thrash caustico ed inconcludente che vede i nostri, solo nell'ultimo minuto, lanciarsi in un'avanguardista fuga psicotropa. Si arriva a "Summon the Beats" e "Animal of the City", le due song del 7" 'Evoco Bestia' e mi sembra di aver a che fare con un'altra band: abbandonati i perversi screaming del vocalist, ecco apparire una gentil donzella, Ayna B. Johansen, che offre le sue doti canore su di un sound arrembante, ovattato quanto mai delirante che sembra essere una B-side estratta dal secondo 'Department of Apocalyptic Affairs'. La seconda traccia è invece puro black metal, rozzo e malato, che soltanto negli ultimi 60 secondi lascia trapelare un che di epico ed indomito. Il terzo capitolo della saga include i due brani inclusi in 'Et Spiritus Meus Semper Sub Sanguinantibus Stellis Habitabit': "Degenerate Machine" è caratterizzato da uno strano mix a livello vocale con dei rigurgiti stralunati in stile Solefald uniti ad un qualcosa al limite dell'improponibile traslati in un sound dozzinale quanto mai ferale, ma ricco anche di riferimenti prog che preservano un'aura di misticismo sull'intero lavoro. La seconda "It's When You're Cold" è sperimentazione black noise parecchio difficile da digerire, se non dopo aver ingerito o fatto uso di una dose di sostanze decisamente proibite che inducono poi un lungo sonno lisergico. Il quarto e ultimo capitolo è affidato all'ultimissimo EP, 'Fragmenta Cuinsvis Aetatis Contemporaneae', uscito a inizio di quest'anno e che include "Consensus" e "Carnal Nations", due tracce che probabilmente fotografano l'attuale stato di forma del duo originario di Ytre Enebakk. Una prima traccia che affida la propria ritmica ad un black schizofrenico su cui poggiano strani effetti sonori e onde modulatorie disturbanti generate dai synth deviati di Svein Egil Hatlevik (la sua esperienza nei Dødheimsgard deve essere pur servita); la seconda song invece sembra essere la canzone più normale del cd, peraltro la più legata a quel primo grande album di questi folli musicisti norvegesi. 'Inquietum' è una raccolta davvero di difficile ascolto, consigliata ai soli fan della band, considerato che qui si raggiungono vette di estremismo davvero complicate da concepire. Per pochi intimi. (Francesco Scarci)

(Aesthetic Death - 2017)
Voto: 65

https://www.facebook.com/thetruefleurety

domenica 3 settembre 2017

Distant Landscape - Insights

#PER CHI AMA: Prog/Post Rock, Katatonia, Anathema, Riverside
Meglio non trovarsi in un qualche turbine emotivo prima di ascoltare il debut album dei nostrani Distant Landscape, rischiereste di venire sopraffatti dalla malinconica proposta che Marco Spiridigliozzi (mastermind della band) e i suoi compagni hanno prodotto. Io l'ho fatto e quale struggente mal di stomaco ne ho ricavato, lo sa solo il buon Dio. Già, perché dopo aver inserito 'Insights' nel mio lettore e avviato l'opener "Same Mistake", mi sono fatto trascinare da quel senso di sconforto, generato dalla perdita di una persona amata, colpa di melodie strazianti che hanno toccato con facilità le corde già sensibili della mia anima, anche se con sonorità (e vocals), che mi hanno evocato inequivocabilmente 'The Great Cold Distance' dei Katatonia, prima vera fonte di ispirazione dei nostri. Lo struggimento prosegue con le note delicate di "Cage Inside Us", una lunga traccia (oltre nove minuti) che partendo da atmosfere intimistiche, cresce pian piano di ritmo ed intensità, passando da un rock seducente ad un sound più robusto ed incazzato, sebbene mostri poi un finale più equilibrato e psichedelico. "First Insight" si apre con un arpeggio e la voce di Marco che emula con eccellenti risultati, il ben più famoso collega svedese, in una song intrisa di tristezza, soprattutto a livello lirico. Ripeto, meglio non ascoltare il disco se non siete sereni, l'effetto potrebbe essere destabilizzante, qui con la voce di una gentil donzella (Judith dei Raving Season), ad aumentare il carico di sofferenza. L'attacco roboante delle chitarre di "The Desire" lascia intendere un passato doom dei nostri, e quel riffone che chiama in causa gli Anathema periodo 'Pentecost III'/'The Silent Enigma', ne è la prova, anche se poi la tensione si allenta e torna lo spettro dei Katatonia ad aleggiare sui nostri, fatto salvo per chiudersi con una eterea spiritualità che ha smosso anche echi degli Alcest. Ancora un arpeggio in apertura per "The Change", e ancora malinconia grondante da ogni linea melodica che sia di voce o di chitarra, che mi accompagnano fino alla sesta "The Love of a Mother for Her Sons". Quest'ultima è una song che per testi e musicalità, ha scomodato un altro classico degli Anathema, "One Last Goodbye", estratto dal meraviglioso 'Judgement', riletto però in chiave più "moderna", stile 'Weather System', con tanto di voce femminile in primo piano. Al finale, ecco attendermi "Distant Landscape", l'ultima fatica in grado di dare il colpo di grazia al mio cuore già infranto e ora sedotto anche dal suo evoluto rock progressive che strizza l'occhiolino ai polacchi Riverside. Alla fine 'Insights' è un bell'album; se solo i Distant Landscape saranno in grado di acquisire maggiore personalità, scrollandosi di dosso le influenze di Anathema e soprattutto Katatonia, sono certo che sentiremo a lungo e strabene parlare di questi ragazzi. (Francesco Scarci)

(Sliptrick Records - 2017)
Voto: 75

https://www.facebook.com/distantlandscape/